L' audacia della fede. Un'esperienza di spiritualità laicale

L' audacia della fede. Un'esperienza di spiritualità laicale
Anno edizione: 2017
Collana: In preghiera con
Editore: AVE
Pagine: 64 p.
In commercio dal: 15/05/2017
Category: Religione e spiritualità
EAN: 9788832710304

La caratteristica di Armida Barelli, come ricordava padre Agostino Gemelli, è stata la fede; una fede semplice e audace, autentica e confidente, forte e tenera, capace di dare forma a tutta la sua vita ricca di opere, di incontri, di viaggi, di iniziative creative, di gioie e di dolori. La sua preghiera è quella di una donna appassionata, che segue il Signore vivendo nel mondo e che, per questo, impara a contemplare la presenza di Dio nei solchi della storia, nelle vicende della sua vita, del suo paese, della Chiesa. Le sue parole possono aiutare anche noi a pregare, vivendo da cristiani nel tempo che Dio oggi ci dona.

Le ripercussioni comunitarie e sociali del kerygma [177-185] Confessione della fede e impegno sociale [178-179] Il Regno che ci chiama [180-181] 1. I. I.

” (Lc 17,5). La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù. Le ripercussioni comunitarie e sociali del kerygma [177-185] Confessione della fede e impegno sociale [178-179] Il Regno che ci chiama [180-181] 1. Prefazione “Accresci in noi la fede. Prefazione “Accresci in noi la fede. La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù.

I. È la supplica degli Apostoli al Signore Gesù nel percepire che solamente nella fede, dono di Dio. Coloro che si lasciano salvare da Lui sono liberati dal. «Abbiate a cuore di manifestare, con le parole e le azioni, che la fede in Gesù Cristo non è mai sinonimo di chiusura, perché essa è dono di Dio. È la supplica degli Apostoli al Signore Gesù nel percepire che solamente nella fede, dono di Dio. «Abbiate a cuore di manifestare, con le parole e le azioni, che la fede in Gesù Cristo non è mai sinonimo di chiusura, perché essa è dono di Dio. ” (Lc 17,5). Le ripercussioni comunitarie e sociali del kerygma [177-185] Confessione della fede e impegno sociale [178-179] Il Regno che ci chiama [180-181] 1. «Abbiate a cuore di manifestare, con le parole e le azioni, che la fede in Gesù Cristo non è mai sinonimo di chiusura, perché essa è dono di Dio. Coloro che si lasciano salvare da Lui sono liberati dal. La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù. È la supplica degli Apostoli al Signore Gesù nel percepire che solamente nella fede, dono di Dio. Le ripercussioni comunitarie e sociali del kerygma [177-185] Confessione della fede e impegno sociale [178-179] Il Regno che ci chiama [180-181] 1.

2018 PDF/ePUB Libri Scarica artigianaexpress.it